L’ATELIER D’ARTE TESSILE DI ELIO PALMISANO

L’atelier d’Arte Tessile di Elio Palmisano rappresenta una delle poche imprese italiane ad occuparsi della realizzazione arazzi e tappeti.

 

Dal 1968 al 2005 Elio Palmisano ha creato una collezione di 352 soggetti, fra arazzi e tappeti, progettati da artisti e designers innovatori: da Giacomo Balla a Ettore Sottsass; da Oskar Kokoschka a Kazimir Malevich.

 

Nell’ambito del fenomeno attuale tendente a rivalutare in chiave moderna le tecniche artigianali antiche, emerge con evidenza l’impresa di Elio Palmisano, iniziata nel 1968, di realizzare tappeti di disegno moderno, ma annodati a mano con antichi metodi di lavorazione artigianale.

 

L’atelier d’Arte Tessile di Elio Palmisano rappresenta una delle poche imprese italiane ad aver realizzato un gran numero di arazzi e tappeti nel corso della seconda metà del Novecento, in sinergia con gli artisti contemporanei. Dal 1968 al 2005 Elio Palmisano ha creato una collezione di 352 soggetti, fra arazzi e tappeti, progettati da artisti e designers innovatori: da Giacomo Balla a Ettore Sottsass; da Oskar Kokoschka a Kazimir Malevich.

 

Utilizzando gli antichi metodi di lavorazione artigianale, Palmisano è riuscito davvero a tessere lo scenario dell’arte italiana del XX secolo. Dell’Atelier d’Arte Tessile di Elio Palmisano si è molto scritto nei quasi quarant’anni di attività, durante i quali le sue opere erano apprezzate e valorizzate soprattutto da Gallerie, Musei d’Arte e Collezionisti Sagaci.

 

La manifattura di Elio Palmisano è una “pietra miliare” dell’Arte Tessile del Novecento.

Aggiungi un commento