IMPA ABRASIVI

IMPA ABRASIVI nasce nella provincia di Torino nei prima anni 60, come azienda manufatturiera per la produzione utensili abrasivi.

 

Sin dall’inizio della sua attività la IMPA si specializza nella produzione di dischi abrasivi sottili da taglio per tutte le applicazioni meccaniche proseguendo nel tempo con una continua ricerca di innovazione sia nella materie prime impiegate sia con macchinari ad alta tecnologia al fine di garantire alla clientela sempre il massimo degli standard qualitativi e con un rapporto qualità/prezzo altamente competitivo.

 

L’ampiezza della gamma di produzione ed i risultati positivi conseguiti negli ultimi anni hanno permesso di proporsi con successo agli operatori grossisti come agli utilizzatori finali, nazionali ed esteri.

 

Il processo produttivo viene seguito con “manuale di qualità” secondo le norme ISO 9002.

 

IMPA offre i seguenti servizi:

 

Manipolazione

Manipolare tutte le mole (anche le più dure e quelle rinforzate) con estrema cura ed attenzione. Se esiste anche solo il sospetto che una mola abbia subito qualche urto o maltrattamento, interpellare il fabbricante.

 

Magazzinaggio

Immagazzinare le mole in modo razionale e con estrema cura. Accertare che venga effettuata una regoalre rotazione della giacenza. Ciò è essenziale per i prodotti organici (ad agglomerati resinoidi, gomma o gommalacca), che non devono essere usati se la data di scadenza – quando menzionata – è stata superata o comunque al di là del termine indicato dal fabbricante. I locali devono essere esenti da elevati gradi di umidità e non devono subire sensibili sbalzi di temperatura.

 

Uso della mola

Per le operazioni seguite ad umido, prima di fermare la mola, interrompere il flusso di refrigerante e lasciarla asciugare mediante centrifugazione per evitare pericolose condizioni di sbliancio. Riavviare o ricondizionare la mola con la dovuta cautela ed attenzione, usando gli appositi utensili riavviatori. Stabilire il contatto mola-pezzo in modo dolce e regolare ed evitare pressioni di lavoro eccessive o rallentamenti della mola.

Aggiungi un commento